• Offerta di benvenuto
  • PILLOLE BONUS FINO AL 30%
  • PER TUTTI GLI ORDINI
Servizio Clienti Servizio Clienti
Lunedi Venerdi 09:00 - 17:00
Teléfono:
Chiamate Internazionali:

Dolore al fianco destro e dolore al fianco sinistro: mi devo preoccupare?

Il dolore al fianco destro, al pari del dolore al fianco sinistro, può subentrare in qualsiasi momento, anche mentre si passeggia candidamente o si è in posizione immobile magari sul divano di casa tua. All’improvviso, avverti una fitta su un lato tanto forte da doverti piegare, in altre circostanze puoi avvertire degli spasmi che si ravvivano a intermittenza, e quasi ti tolgono il fiato.

Da cosa proviene il dolore al fianco?

Non si può circoscrivere ad una unica causa quella che genera il dolore al fianco destro. Idem dicasi per il dolore al fianco sinistro. I fattori possono essere di certo molteplici e possono essere sintetizzati come segue:



  • Un eccessivo sforzo fisico (ad esempio nel corso di un allenamento intensivo)
  • Una non idonea alimentazione
  • Dei disturbi che originano dai muscoli
  • Lo stress o delle motivazioni psichiche
  • Colpi o traumi avvenuti a livello locale
  • Patologie dell’apparato urinario
  • Problemi intestinali

Dolore al fianco: come svolgere la diagnosi

La prima diagnosi parte dal paziente stesso quando riferisce o localizza il dolore al fianco destro oppure al sinistro. Una volta eseguito questo rapido test bisogna far visita al medico curante che di solito esordisce con alcune domande volte a capire di che tipo di dolore si tratti. Il dolore infatti può essere:

  • sordo
  • con spasmi a intervalli più o meno fitti
  • acuto
  • cronico
  • diffuso
  • circoscritto a un’area limitata

Esso può presentarsi sotto sforzo oppure a riposo. In virtù di queste indicazioni il medico è in grado di ridurre il campo delle possibili cause, ovviamente basandosi sull’indicazione a monte che si tratti del fianco sinistro o oppure del destro. 

I sintomi principali associati al dolore al fianco

Di frequente il dolore al fianco viaggia di pari passo con altri sintomi come la febbre, il senso di nausea il vomito, il dimagrimento, la stipsi ed è indice di problematiche come le infezioni renali o quelle urinarie, la presenza di tumori o problemi vascolari, l’esistenza di ulcere o di una più banale stitichezza. 

Il dolore al fianco destro a cosa è dovuto?

Un caso sporadico logicamente non deve preoccupare ma se diventa recidivo, può celare cause anche di una certa serietà. Il dolore al fianco destro infatti può essere sintomo di malattie epatiche, fra cui l’epatite o il cancro al fegato o ancora la cirrosi epatica. Potrebbe anche dipendere da patologie biliari come i cosiddetti calcoli alla colecisti.

Non è tutto. Un semplice dolore al fianco destro è anche spia di allarme per un’ernia addominale, del morbo di Crohn, dell’endometriosi, dell’intestino irritabile o di un disturbo alle cisti ovariche. 

Come si abolisce il dolore al fianco destro

Per far passare il dolore urge andare da uno specialista che talvolta apporta delle modifiche alla dieta e prescrive un po’ di riposo. Rinforzare i muscoli con l’esercizio fisico è una soluzione molto valida. In base alla patologia, lo specialista prescrive una serie di esami diagnostici per andare a fondo e trovare la cura ideale.

Il dolore al fianco sinistro da cosa è generato?

Il dolore al fianco sinistro è spesso originato da patologie delle vie urinarie, o in caso di malattie del tratto sinistro del colon o della milza. Anche in questa circostanza, non ci sono motivi per allarmarsi se si è in presenza di occasionali dolori. Infatti la motivazione può essere anche molto banale, come l’aver dormito appoggiati sul fianco sinistro che si è indolenzito. Altre volte è la milza che reclama un adeguato preriscaldamento prima di un allenamento intensivo.

Il fianco sinistro duole anche perché c’è presenza di gas nell’intestino oppure per una condizione di costipazione intestinale e stipsi.

Se il dolore è prolungato si assiste a patologie renali. Rivolgersi al proprio medico è fondamentale per approntare una opportuna terapia. 

Come cancellare il dolore al fianco sinistro

Un esame allo stomaco e all’intestino sono impellenti ma nel frattempo per lenire la sofferenza, il medico prescrive degli antibiotici accompagnati dalla sana dieta. I rimedi della nonna sono sempre un successo: se ne hai in casa, metti una borsa dell’acqua calda sulla parte dolente. Serve a rilassare i muscoli e alleviare il dolore. Meglio evitare per qualche giorno abiti che esercitano troppa pressione o sport troppo intensivi.

Quando si è in presenza di patologie come i calcoli renali o tumori, è discrezione del medico pianificare un intervento chirurgico o un ciclo di terapie che risolvano il problema.